[Diario di Viaggio] Cinque Terre e dintorni

Per il ponte del 1° Maggio sono andato a farmi un giro di qualche giorno alle Cinque Terre , La Spezia , Lerici , Forte dei Marmi e Marina di Massa. Ho avuto così modo di testare un pò la mia macchina nuova ( 207 1.400 benzina\GPL ). Le cinque terre non sono male, peccato per il casino che abbiamo trovato, veramente invivibile, e peccato che mi sono dovuto fermare ad Aulla ( cittadina in cui non c'è Nulla ) per tre notti. Aulla dista 20 km da La Spezia e, se non volevo morire in macchina , siccome per imprecisati problemi in partenza derivanti da minimo basso o molto più probabilmente da mia scarsa abitudine nel guidare un benzina ( abituato con diesel 1.900 di cilindrata il cambio è critico ) ho scelto di optare per i mezzi pubblici mi sono ritrovato insieme alla mia ragazza sopra inter-regionali vecchissimi, intasati e pieni di punkabbestia sedicenni che non hanno ancora imparato a stare al mondo e su sgangherati battelli per muovermi tra le cinque terre dal costo di 23 euro con uno staff molto portato alla rissa e centinaia di altre persone che cuocevano sotto il sole insieme a noi aspettando asfissiati il prossimo battello per la terra seguente. A Porto Venere quello che indirizzava la gente sui battelli stava per fare a botte con uno che aveva osato lamentarsi dei 23 euro per un servizio scadente.Inizialmente ero propenso a dare ragione al barcaiolo , ma perchè ero appena arrivato ..In effetti quando a Manarola , dopo un km di Via dell'Amore a PIEDI pagato 5 Euro arrivi in un porto che non è un porto ma un insieme di rocce con 350 persone arrampicate sui sassi per starci che aspettano il traghetto che quando arriva (vuoto) prende su solo 40 persone sulle 400 e passa che potrebbe trasportare ... ti girano un pò i maroni. Quella è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso: abbiamo preso la coincidenza che tornava a La Spezia fanculizzando Corniglia , Vernazza e Monterosso in blocco e siamo tornati ad Aulla dove non c'è nulla in treno con dei simpatici teen-ager in erba che facevano la parte dei barboni vestiti di merda ma con indosso abiti firmati dalla testa ai piedi , degustavano mc bacon seduti per terra davanti all'uscita del treno e non si alzavano quando la gente doveva scendere. E' stato bello perchè al momento di scendere arrivati ad Aulla io ho scavalcato lo zaino di una tipozza che stava proprio in mezzo mentre la mia ragazza l'ha volutamente calpestato. Se ci pensavo prima lo calciavo fuori dal treno... Devo essere onesto, anch'io a 15-16 mi sedevo per terra ma se ero in mezzo al cazzo, detta come va detta, mi spostavo :\ ...Cmq a parte questa mia breve descrizione della deficienza che di sti 90ini del menga denotano .. . abbiamo dormito e il giorno seguente siamo andati in macchina su l'altro versante : a Lerici , molto carino anche se con il brutto tempo , ci siamo mangiati due focaccie ( uguali alle nostre crescentine da fornaio a dire il vero ) e il pomeriggio siamo andati a Pontremoli in un castello a vedere il museo delle statue stele della Lunigiana .. che da insensibile quale sono non mi sono piaciute per niente e ci siamo beccati anche tanta acqua. La sera ci siamo rifatti in uno dei nostri sport preferiti , che oltre a fare sesso, è mangiare ( e infatti sto diventando pian piano un bombardone e il mio fegato presenta valori pesantemente alterati -110 anzichè 41 omg - ) . Ci siamo infatti recati ,sotto consiglio alle info turistiche , presso un ristorante chiamato "Da Gambin" a Podenzana , dove, oltre a difendere con i denti una specialità chiamata Panigaccio ( che mia madre cucina da anni ed anni ma sotto falso nome di Ciaciotto :D ) , insieme ad altri 4 ristoranti del luogo, cucina anche dell'ottima Fiorentina ( quella grossa , quella vera ) , servita tagliata in un vaso di terracotta dove ancora cuoce (sia per chi la preferisce al sangue sia per chi la vuole ben cotta ) . Cenetta ottima e con un prezzo abbordabile : 50 euri con una fiorentina enorme , 12 panigacci e nutella ( senza vino ) mi sembra buono.
Il giorno dopo, data della partenza, lasciamo finalmente Aulla avvolta nella nebbia e andiamo verso le assolate spiagge della Versilia presso Marina di Massa e Forte dei Marmi , stiamo un oretta al sole , facciamo la fila per una pizza ( era il 1° Maggio, per forza ) e io muoio quasi per il caldo come al solito. E così, dopo un rocambolesco viaggio di ritorno per la famigerata Bologna-Firenze , si ritorna a casa, con la sensazione che forse questa gita poteva andare meglio ma che comunque ne è valsa lo stesso la pena ,anche solo per il semplice stare insieme :)


http://www.itinerariitaliani.com/liguria%20treno/trenosp1frame.htm

http://www.viamichelin.it/viamichelin/ita/dyn/controller/ItiWGPerformPage?reinit=1&strStartCityCountry=612&strStartAddress=via+del+faggiolo+2&strStartMerged=Bologna&strDestCityCountry=612&strDestAddress=&strDestMerged=la+spezia&image2.x=36&image2.y=14
[Diario di Viaggio] Cinque Terre e dintorni [Diario di Viaggio] Cinque Terre e dintorni Reviewed by Luca Lorenzelli on 4/22/2007 Rating: 5
Powered by Blogger.