Bioshock = Capolavoro

Nonostante il fiorente mercato che l'industria videoludica comporta al giorno d'oggi c'è ancora chi, forte della propria ignoranza ,afferma che i videogiochi sono cose da bambini.
Alla loro concezione semplicistica di tutto l'emisfero dell'intrattenimento digitale, tipica di chi in realtà non ha mai giocato, di chi considera meglio quella scatola strumentalizzata detta anche televisione o peggio quell'inutilità fatta a software di Second Life, ora posso rispondere con una sola parola:

BIOSHOCK
E che un Big Daddy vi colga!




E' uscito in italia il 24 Agosto, il 25 era già tra le mie mani. Ero titubante all'inizio: acquistarlo oppure no? Poi lessi i voti dei siti specializzati, tutti sparati al massimo, senza eccezioni. Così mi dissi: brutto non può essere , al massimo sarà solo un buon FPS come lo era stato Prey.
Sono bastati i primi minuti di gioco per rendermi conto che quello che avevo tra le mani era qualcosa di anomalo, non era un semplice sparatutto con i soliti 5 mostri\terroristi e un arsenale standard per dilaniarli. Bioshock era molto di più.
"Un uomo non ha diritto al frutto del sudore della propria fronte?"

Con questo slogan Andrew Ryan diede vita a Rapture, una città in cui gli uomini stessi potessero essere gli unici a beneficiare del proprio lavoro , senza condividerlo con altri, usando come bandiera l'individualismo, odiando apertamente l'altruismo, definito senza mezzi termini come la rovina dell'umanità.
Rapture è un luogo in cui "l'artista non avrebbe dovuto temere la censura" ... Rapture è il posto dove " Lo scienziato non sarebbe stato incatenato da un'etica spicciola" , ma quale paese può ospitare una città simile? Così differente dalle società di stampo Americano , Europeo , Russo e asiatico che conosciamo? Nessuno... Ed è qui che viene il bello.
Ricordate Atlantide?
Rapture fu fondata nei primi anni 50 , fu costruita negli abissi più profondi dell'oceano. Gli esseri umani ci vivevano grazie a corridoi a tenuta stagna sparsi per tutta la città. Rapture , casa del progresso, Rapture , casa della scienza, dell'avanguardia.... del terrore.
Come tutte le utopie che tentano di diventare realtà, anche Rapture cadde in rovina...Ed indovinate chi sarà il suo ultimo visitatore?
Un aeroplano impatta in mare, prendi coscienza del fatto che sei ancora vivo quando apri gli occhi e ti manca il respiro, affiori in fretta in superficie, solo per trovare fuoco, fiamme e l'oceano intorno a te. C'è anche qualcos'altro però: una strana torre, alta un ottantina di metri, nera, illuminata da energia elettrica...in mezzo all'oceano. Non hai tempo per pensare a quanto sia impossibile e non hai alternative se non la morte. Raggiungi la torre a nuoto ed entri dentro un grande portone che da su una stanza buia, all'improvviso le luci si accendono e ti mostrano una sorta di ascensore sottomarino. Esterefatto e titubante entri ed attivi i comandi dell'elevatore... ed è l'impossibile si staglia davanti ai tuoi occhi stupiti.
Una città immensa con grattacieli altissimi che ricordano una New York degli anni 50 , con tanto di insegne e pubblicità , ti trovi in quella che viene chiamata batisfera: il principale mezzo di trasporto di Rapture, una sorta di metrò acquatica fatta di navicelle e tubature che ti portano da una zona all'altra della città.
Non fai in tempo a scendere dalla batisfera che già ti rendi conto che qualcosa non va. Nel buio assisti ad un omicidio compiuto da un essere totalmente sfigurato, un tempo probabile cittadino onorario della città, che uccide un uomo davanti ai tuoi occhi. Sei disarmato ma fortunatamente il portello della batisfera ti protegge.
L'ascensore raggiunge la stazione di rapture e ci lascia liberi di movimento e potenzialmente vulnerabili , qui vediamo nell'oscurità cumuli di valige e cartelli di protesta contro Ryan, cartelli che recano scritte come "facci uscire da Rapture" , "Noi non ti apparteniamo" . Una voce ti contatta via radio , è un certo Atlas , che ti protegge dall'attacco di un'altra di quelle cose e ti incita a raccogliere una chiave inglese da usare come arma e ti da il tuo primo obiettivo... Ed è qui che comincia il vero inferno.
La trama, come avrete capito, è uno dei punti forti del gioco - se non il più forte- e viene svelata e arricchita man mano che l'avventura va avanti. E' come se la storia subisse continue complicazioni , continue evoluzioni, e ti intriga sempre più , ti spaventa e ti affascina sempre più in quella fitta rete di intrecci che propone, mentre vaghi solitario per i buissimi corridoi ( fa concorrenza a Doom 3 in quanto a 'paura del buio' ) di una città troppo irreale per non essere vera.
Quello che mi fa pensare un capolavoro della fantascienza-horror come questo è che la trama è curata, intensa e con dei risvolti sociologici degni di un Huxley o un Orwell, è qualcosa di più complesso di quello che può apparire guardando ad esempio un screenshot o macinandosi il gioco in quattro e quattrotto.. il consiglio è: non abbiate fretta , fermatevi ed ascoltate tutti gli audio-log che trovate (puro stile doom3) e indagate sugli abitanti di Rapture...solo allora capirete il capolavoro che avete tra le mani.

Non solo trama.
Bioshock offre un gameplay originalissimo rispetto agli altri sparatutto , molto simile per certi versi al suo predecessore virtruale, System Shock.
Bioshock è innanzitutto un FPS abbastanza longevo, a differenza di quello che credevo, e va gustato piano, molto piano. Il fatto è che questo gioco è pieno, stipato direi, di segreti e oggetti di tantissime tipologie da raccogliere ed utilizzare a proprio favore o sfavore, e ci sono intere aree apparentemente inesplorabili che potrete sbloccare usando un minimo di cervello e ritornando spessissimo sui vostri passi. Volendo fare un esempio pratico : ad un certo punto vi ritroverete di fronte a porte bloccate dal ghiaccio e quindi apparentemente inoltrepassabili, ma se mettete la mappa vi renderete conto che dietro la lastra di ghiaccio di staglia un'area anche abbastanza grandicella. In quel momento però non potete fare altro che ignorarla e proseguire per l'obiettivo. Dopo un pò invece assumerete un potere (o meglio : plasmide) chiamato Incendiario che vi permetterà, una volta equipaggiato di poter sciogliere la lastra di ghiaccio ed esplorare l'area lasciata indietro. Ammesso che l'abbiate notata e ammesso che vi siate fermati a pensare ad un modo per oltrepassarla. Questo è solo un esempio per farvi capire il gameplay non lineare che contraddistingue questo gioco.
Questo che forse è un elemento che molti considerano secondario ma che secondo me , siccome influenza pesantemente la longevità del gioco stesso, è uno dei primi da apprezzare, ed è il primo che ti fa rendere conto dell'essenzialità dell'uso dei plasmidi.
Abbiamo appunto questi add-on genetici che si ricaricano con una sostanza preziosa (per la vostra sopravvivenza) chiamata Eve e che hanno bisogno, per essere acquistati da appositi distrubutori ( ammesso che voi siate così frettolosi da non trovarne nei segreti appena citati) di un altra sostanza ancora più preziosa: L'ADAM. L'adam è la sostanza da cui tutti dipendono a rapture , frutto di esperimenti andati in malora e di cui ora si occupano le Sorelline. Le Sorelline non sono altro che EX-bambinette che perlustrano Rapture in cerca di cadaveri per estrarre l'adam dal loro corpo e sono totalmente indifese e vulnerabili...se non fosse per... il BIG DADDY. Questo grande paparino appunto fa da guardia alle sorelline e le protegge. Si parla di una bestia altra due metri e grossa uno che ricorda un palombaro obeso con una trivella al posto del braccio ed un arma potentissima dalla parte opposta. E' totalmente corazzato ed atterrarlo non è un impresa facile anche per un veterano degli FPS. Una volta ucciso il big daddy avrete una scelta morale da compiere: salvare la sorellina estraendo poco adam o risucchiarla completamente causandone la morte ma riempiendovi le tasche di prezioso Adam?
Operata questa scelta, altra peculiarità del gioco, potrete cercare un Gatherer’s garden , distributore in cui potrete acquistare nuovi plasmidi che poi potrete intercambiare presso un altro distributore ancora chiamato : fabbrica genetica.
Come avrete capito Bioshock è zeppo di distributori di ogni sorta, ce ne sono anche per armi , eve e kit di pronto soccorso (ma vi potrete curare anche mangiando cibo che trovate sparso per i livelli o con i medikit collezionabili) e tutti questi macchinari sono aggirabili , così come telecamere e torrette di sicurezza.
Aggirare ( o Hackerare ) un dispositivo consiste in un classico sottogioco che più classico non si può: quello in cui dovrete far scorrere un liquido da un punto ad un altro costruendo il tubo in cui dovrà passare , se sbaglierete l'apparecchiatura andrà in corto circuito e perderete sempre più salute.

Di solito è la prima cosa di cui tutti parlano ma per Bioshock si fa un eccezione e se ne parla dopo...Signore e signori:
La Grafica
Il gioco sfrutta l'Unreal Engine spinto all'ennesima potenza, è una delle grafiche migliori presenti attualmente su PC . Quello che, a parer mio, stupisce sopra ogni cosa è la fisicità dell'acqua , che è qualcosa di quasi reale , quando ti ritrovi in una stanza che sta per essere allagata è come se sentissi veramente l'acqua alla gola o l'onda che ti insegue mentre fuggi lungo un corridoio. Davvero un impianto grafico notevole e d'impatto, alla massima risoluzione possibile, effetti tutti alti ed attivi e senza crash o bug particolari utilizzando una GeForce 8800 GTS a 320mb di memoria video.

Audio
Piccola menzione per il sonoro , anche questo curatissimo , completamente localizzato e che spesso vi farà sudare freddo.
VOTI:
Di solito non mi piace dare voti ma qui posso fare un eccezione in quanto sono sicuro che Bioshock non li tema e anzi se li meriti tutti:
TRAMA: 10\10
GAMEPLAY: 10\10
LONGEVITA': 8\10
GRAFICA: 10\10
SONORO: 10\10
NEL COMPLESSO: 10\10

Questo è un gioco che entrerà nella storia e lascerà un segno indelebile per i giochi futuri, quindi compratevelo subito e non fate i cazzoni!
Philz

keywords: bioshock rapture map bigdaddy sorellina plasmidi slot comprare slot
Gatherer’s garden slots secret areas

Bioshock = Capolavoro Bioshock = Capolavoro Reviewed by Luca Lorenzelli on 8/27/2007 Rating: 5
Powered by Blogger.