NecroVisioN

NecroVision è uno sparatutto della Farm 51 che tenta di ricalcare le adrenaliniche orme dei vari Painkiller, Serious Sam eccetera. Con il primo in particolare ha in comune sia il motore di gioco che una manciata di programmatori.
Le promesse di un gameplay frenetico e ‘vecchio stampo’ , cosa che ultimamente sta andando un po’ a perdersi visti gli ultimi miscugli ( più o meno riusciti ) tra generi diversi come rpg e fps (Stalker per citarne uno), o anche la continua tendenza a cinematizzare gli shooter ( vedi anche l’ultimo FEAR 2 ) enfatizzando eventi , ambientazione e trama a volte a discapito della frenesia del gameplay classica dei ‘veri’ sparatutto, vengono almeno in parte mantenute.
NecroVision è proprio quel che sembra : uno sparatutto ignorante vecchio stile, con tanto di combo tamarre , centinaia di nemici da abbattere e scene splatter al limite del demenziale, il tutto condito da una trama volutamente ridicola e fantasiosa e un crescendo di tamarraggine ragguardevole di livello in livello.
Siamo infatti nel 1916 nel pieno della Grande Guerra, nei pressi di Verdun . Siamo ovviamente americani (anche se, va detto , la produzione del gioco è tuttaltro che yankee ) e veniamo catapultati nella violenza della guerra, che però in NecroVision si trasforma in uno scontro tra umani , demoni e vampiri. Insomma dal punto di vista della trama siamo sul fronte della cazzata, ma questo è ovvio e nessuno si aspettava molto di più da un gioco di questo tipo. Anche le tante lettere che potremo raccogliere tra uno squartamento e l’altro , doppiate spesso con un finto accento tedesco sanno volutamente di ridicolo. Per non parlare delle voci dei nonmorti: davvero comiche ( o drammatiche , dipende dai punti di vista).
Come gameplay e come trama insomma è proprio quello che ci si aspettava in fin dei conti , niente di più, niente di meno.
Cosa impedisce allora a NecroVisioN di entrare nella storia insieme a
Sam il Serioso e lo sparapaletti di Painkiller?
L’aspetto grafico in primis , un sistema di puntamento non proprio fatto ad hoc e tanti fastidiosissimi bug con cui dovremo fare i conti.
Per quanto riguarda la grafica: questo non è il primo gioco che utilizza un engine vecchio , anche Fear 2 in effetti lo fa , ma cosa è stato cambiato e\o migliorato? In poche parole: niente. O quasi.
Le uniche modifiche grafiche fatte rendono oltremodo pesante il titolo di Farm51 , il che porta l’utente medio ( con un sistema umano ) ad abbassare un po’ filtri , filtrini etc etc.
Personalmente lo sono riuscito a giocare con un dettaglio piuttosto alto, anche se in presenza di alcuni effetti come fumi volumetrici il calo di framerate era allucinante ( altro che slo-motion ) .
La resa grafica con tutti i settaggi on high tra l’altro non è niente di eclatante e per quanto il motore di Painkiller sia stato buono ormai il suo tempo l’ha già fatto e sta pian piano navigando verso l’oblio.
A tutto ciò si aggiungono numerosi bug che in un caso particolare mi hanno costretto ad usare il godmode o il noclip per andare avanti a giocare.
Personalmente , da appassionato sfegatato di fps, lo sto giocando volentieri e , chiudendo un occhio lo trovo anche molto divertente e come ho già detto : sempre più tamarro.
Ogni livello portato a termine vi permette di sbloccare una sfida selezionabile da un apposito menu. Le sfide (facoltative) serviranno nel gioco per sbloccare nuove armi e armature e portarle con se di default ad ogni inizio di livello. E’ una variante decisamente divertente, almeno per i miei gusti .
Tenta inoltre un po’ goffamente di proporre qualche enigma ma sono sempre cose molto elementari che richiedono al massimo cinque minuti – a stare larghi - .
In definitiva direi che chiudendo un occhio su bug e comparto grafico mal riuscito un vero appassionato del genere lo potrebbe trovare divertente.. in fondo c’è una bella varietà di armi, mostri e combo con la quale sbizzarrirsi ed è molto più longevo di quanto sembri ( almeno per chi punta al completamento e sempre in base al livello di difficoltà adottato) .
Dedicato agli appassionati di FPS puri e semplici tanto per farsi due spari in relax , gli altri possono tranquillamente rivolgersi altrove.




NecroVisioN NecroVisioN Reviewed by Luca Lorenzelli on 3/09/2009 Rating: 5
Powered by Blogger.