Il mercato delle social vacche

Nonono la politica non centra niente stavolta (anche se si, è da certe affermazioni grillesche che ho preso il titolo).
Stavo navigando allegramente sul web quando ad un certo punto mi si apre questo sito in una nuova scheda: 


Il sito consiste in pratica nel vendere follower agli utenti dei vari Social Network. Nella rosa dei Social vediamo i famosissimi Twitter, Instagram , Facebook e YouTube.
Questa cosa non mi era del tutto nuova perchè su Instagram ero già abituato a vedere lo spam di utenti che vendevano like & follower, ma mi ha colpito lo stesso questo sito perchè fa capire che è un fenomeno 'in grande' che viene trattato per quello che è: un nuovo business. 
Se fioccano così velocemente in rete siti come questi, paragonabili per 'stronzaggine' solo a quelli che ti vendono Gold nei MMORPG, significa che c'è anche qualcuno che compra.  Non esiste offerta senza domanda e qui di domanda ce nè un bel pò. 
Quello che mi mi chiedo io è: è soddisfacente pagare qualcuno perchè ti segua? Non è un pò come Berlusconi che paga il pranzo e da 10 euro a quelli che scendono in Piazza a manifestare con lui? 
E' davvero così soddisfacente avere eoni di follower su Instagram o twitter ma sapere che l'80% abbondante  sono falsi o comunque non interessati al tuo operato quanto più al tuo portafoglio?
Inoltre vedo anche che ci sono i pacchetti "Real" che costano di più e che nel dettaglio....

ARE THESE REAL USERS? HOW DO YOU GATHER THE FOLLOWERS?
We guarantee that these Twitter Followers are real people and that no bots or proxies will be used in the delivery of your Twitter Followers.
We own and operate a few high traffic Fan pages, Twitter accounts, Youtube channels and website which we use to generate real social media users for our customers.

In pratica un'associazione a delinquere, se per delinquere consideriamo lo spamming più spinto e senza pietà. 
Da un lato bisogna anche dire che avere molti follower, veri o finti che siano, in tutti i social (dal primo all'ultimo) che ogni giorno re-twittano, danno like o favorited ad ogni cosa che scrivi o carichi  vanno a creare giornalmente una vera e propria  cassa di risonanza che espande poi  i propri 'lavori' (articoli,foto,video) anche a chi non è tuo follower ma è magari follower dei tuoi follower -non trovavo modo migliore di esprimere il concetto-.
Insomma questi siti potrebbero fungere utili a chi, come al solito, vuole diventare famoso saltando la doverosa gavetta che ognuno dovrebbe farsi.
E' vero che farsi notare in mezzo a milioni e milioni di utenti è sempre più difficile  con l'andare degli anni ed il crescente affollamento telematico sui social...E che spesso -questo va detto- non è neanche  colpa di una tua mancanza artistica se nessuno te se'ncula -passatemi il francesismo-...E' vero anche che spesso vedi utenti con 10k di follower con foto o video che fanno cagare -oggi sono sempre più in vena di francesismi- mentre tu che magari proponi roba di media\alta qualità ne hai 20...E' verissimo tutto ciò e non posso fare altro che confermarlo dopo anni di esperienza... Ma è anche vero che alla fine in cuor tuo, se accetti di fare parte di questa macchina poco virtuosa del io ti pago e tu mi segui, sai benissimo che non può provare nessuna vera soddisfazione personale, che il tuo successo non dipende da te ma dai tuoi soldi, e che quindi fondamentalmente sei un povero fallito.
Forse per te è più importante la celebrità fine a se stessa, qualsiasi porcata propini alla gente? In tal caso Auguroni :)

ps: il sito ve lo andate a cercare.
Il mercato delle social vacche Il mercato delle social vacche Reviewed by Luca Lorenzelli on 4/15/2013 Rating: 5
Powered by Blogger.